Gentilezza / Barbara Vannucchi

NEVER STOP LIVING KINDNESS

La gentilezza raccontata da 9 donne romagnole

BARBARA VANNUCCHI

ARCHITETTO

Cos’è la gentilezza, da dove nasce e dove la si trova?

Forse è un sentimento un po’ smarrito, da riscoprire e risentire.

Oggi, non ieri avrei detto, ma oggi mi viene da dire che sia coraggio, curiosità persino fraternità. E’ un sentimento che apre la porta, si fida, si dà e non chiede.

La tua frase gentile

Ce ne sono di intime che stanno in quel lessico familiare, che ti fa intendere “con i tuoi” persino senza parole parlate.

Le tue 3 parole gentili

Alcune parole appaiono scontate, ma sono profonde quando sono autentiche, come ascolto, empatia e nobiltà.

Il motivo per cui hai scelto di collaborare al progetto

Spalancare senza chiedere. Vedere entrare sguardi, sensibilità, conoscenze, talenti e timori di donne, che possono creare insieme senza un limite; fuori da un perimetro già definito.

Come racconteresti la gentilezza nel tuo settore?

Mettersi in sintonia. Arrivare a stabilire empatia con l’interlocutore.

Da un lato per ricevere stimoli e aspettative. Dall’altro per provare a realizzarli con tecnica, ricerca, sguardo e cura.

La gentilezza degli spazi è far sentire come a Casa… quali sono gli elementi che ti fanno sentire così nei luoghi dove trascorri il tuo tempo?

Il letto come cocoon, come bozzolo rigenerante.

Il primo oggetto LAGO di cui mi sono innamorata è stato il letto “colletto”, visto anni fa al Salone del Mobile di Milano, perché trasformabile, accogliente e protettivo.

www.barbaravannucchi.com

@ LAGO SpA

Via Artigianato II, 21, 35010 Villa del Conte (PD)

CAP.SOC. 1.000.000,00 i.v. - Reg. Impr. PD - CF e P.I. 01508340286

Privacy - Cookies - Contatti